Il Piano d’Impresa prevede di realizzare la trasformazione del modello operativo della Banca attraverso un significativo piano di investimenti che riguarda in particolare l’innovazione.
A questo scopo, nel secondo semestre del 2014 è stata costituita la nuova Area di Governo Chief Innovation Officer (CIO), a diretto riporto del CEO, con l’obiettivo di identificare, analizzare e sviluppare le attività di innovazione in condivisione con le altre strutture del Gruppo. L’Area Chief Innovation Officer ha sede presso il nuovo grattacielo di Intesa Sanpaolo a Torino, che vuole essere anche fisicamente il centro dell’innovazione del Gruppo.
La struttura propone e coordina il Portafoglio dell’Innovazione, ovvero l’insieme delle principali iniziative (progetti e studi) che il Gruppo intende sostenere, in relazione ai principali trend emergenti in tema di innovazione, individuando per ciascuna il piano delle attività, l’orizzonte temporale, gli investimenti dedicati ed i ritorni attesi. Delle iniziative in Portafoglio viene assicurata la coerenza e viene monitorata la performance e il ritorno economico e qualitativo per il Gruppo. Le nuove iniziative di innovazione da inserire nel Portafoglio vengono verificate periodicamente, unitamente alle funzioni competenti (Business Unit, Funzioni del Gruppo, Polo Tecnologico, ecc.). Nel corso del 2014 è stato consolidato il Portafoglio dell’Innovazione per il 2015, che si compone di circa 55 iniziative proposte dalle unità di business e 28 proposte direttamente dall’Area Chief Innovation Officer.
Il monitoraggio delle iniziative del Portafoglio rappresenta un ambito rilevante volto non solo alla verifica dei risultati raggiunti nel rispetto dei tempi progettuali, ma anche alla valutazione dei ritorni economici e di immagine per il Gruppo.
Gli elementi raccolti in fase di monitoraggio sono quindi utilizzati per la predisposizione periodica di adeguata reportistica a favore del Top Management aziendale.
Altra importante area d’azione è il supporto e l’accelerazione della capacità di innovazione del business del Gruppo mediante l’analisi, l’ideazione e la promozione di iniziative e soluzioni che possano dare origine a nuove opportunità commerciali e allo sviluppo del territorio e dell’economia locale. Perno di questa attività è l’”Osservatorio dell’Innovazione”, che effettua ricerca e analisi delle principali tendenze e idee e valuta gli ambiti di applicabilità delle soluzioni innovative. L’Osservatorio svolge la sua funzione sia attraverso la collaborazione con le altre strutture del Gruppo, sia attraverso relazioni e partnership con centri di ricerca, università, incubatori di start up e innovazione.

Fra le iniziative accelerate nel corso del 2014 sono da annoverare:

  • i filoni progettuali collegati a Expo 2015 che prevedono una collaborazione con Expo 2015 su 8 ambiti chiave ad alto contenuto innovativo (ad esempio la distribuzione massiva di carte di pagamento contactless e di soluzioni di Mobility Proximity Payment). Di particolare rilevanza l’ambito “Filiale innovativa ”, nella quale si intende individuare e realizzare soluzioni finalizzate a rendere memorabile ai visitatori italiani e stranieri l’esperienza in EXPO dei prodotti della Banca.
  • il portale e-commerce Created in Italia, per promuovere le eccellenze italiane nel mondo per i settori food, fashion, design e turismo.
  • la Multicanalità Integrata, progetto avviato nel 2014 con durata triennale, che ha a fra i suoi obiettivi il miglioramento della customer satisfaction dei clienti attraverso una “experience” distintiva e all’avanguardia nell’accesso ai servizi della Banca.
  • il design di un nuovo concept di esperienza Cliente e di allestimento degli spazi in filiale basato su un programma di laboratori di experience design, con l’obiettivo di massimizzare l’efficacia commerciale e la customer satisfaction.

L’Area Chief Innovation Officer sviluppa, inoltre, offerta di innovazione a favore delle imprese, delle start-up e della nuova imprenditoria sociale. Per maggio dettagli, vedere capitolo “Sostegno al tessuto imprenditoriale” @.
Infine, la struttura assicura la diffusione della cultura dell’innovazione e sviluppa soluzioni di innovazione attraverso laboratori (Experience Design Lab) finalizzati all’ideazione e progettazione di prodotti, servizi e soluzioni in forma prototipale. Per maggiori dettagli, vedere capitolo “Cultura e sviluppo dell’innovazione” @.
Nel corso del 2015, l’Area ha in programma di lanciare uno specifico filone progettuale denominato “Iniziativa Circular Economy”, orientato a fare delle sostenibilità economica, ambientale e sociale la leva competitiva di un nuovo paradigma di sviluppo economico. Le attività previste includono momenti di creazione di consapevolezza sul tema e di formazione dedicata per far sì che il Gruppo Intesa Sanpaolo, impegnato come Sponsor di EXPO 2015, possa accompagnare da protagonista le proprie aziende clienti lungo una nuova frontiera di innovazione e capace di ridefinire lo sviluppo del 21° secolo.