italia.png

In Italia, Intesa Sanpaolo offre i propri servizi attraverso una rete di circa 4.500 sportelli presenti su tutto il territorio con quote di mercato non inferiori al 13% nella maggior parte delle regioni.
Il Gruppo ha anche una presenza selettiva in Europa centro-orientale e nel Medio Oriente e Nord Africa, grazie a circa 1.400 sportelli delle banche controllate operanti nel retail e commercial banking in 12 paesi. Vanta, inoltre, una presenza internazionale specializzata nel supporto alla clientela corporate, che presidia 29 paesi.

Intesa Sanpaolo è cosciente del fatto che le filiali continuano a rappresentare un elemento importante della rete distributiva, il luogo fisico dove i clienti trovano supporto e assistenza di persona, soprattutto per le operazioni più complesse. Considerata la diversificazione dell’offerta sui diversi canali, le agenzie presenti sul territorio devono offrire un servizio sempre più focalizzato, personalizzato e ad alto valore aggiunto. A questo scopo è stato avviato nel corso del 2014 un progetto di revisione complessiva del modello di servizio che si integra con le innovazioni proseguite o introdotte nel corso dell’anno e descritte nel capitolo Offerta di un servizio di valore alla clientela @.

 

BANCA DEI TERRITORI: IL NUOVO MODELLO DI SERVIZIO

La Banca dei Territori è la più grande rete bancaria italiana, al servizio delle famiglie, delle imprese e degli enti non profit.
Il nuovo modello di servizio e organizzativo della rete è uno dei pilastri del Piano d’Impresa, descritto dal CEO di Intesa Sanpaolo come uno strumento per “rispondere sempre meglio ai bisogni dei clienti, migliorando il livello di servizio e partendo da due elementi distintivi: la nostra capacità di “fare banca” e la centralità del territorio che caratterizza il Gruppo Intesa Sanpaolo”.

Avviato a fine 2014 e divenuto operativo da gennaio del 2015, il nuovo modello si basa su tre “territori commerciali” specializzati – Retail, Personal e Imprese – per consentire una maggior focalizzazione commerciale e un miglior livello di servizio, valorizzando al massimo le competenze specifiche dei dipendenti.
Il territorio Retail ha il compito di soddisfare i bisogni bancari della clientela base, delle famiglie e dei piccoli esercizi commerciali e di intercettare clienti ad alto potenziale.
Il territorio Personal1 ha una forte specializzazione nella gestione dei bisogni di risparmio, investimento e previdenza evoluti dei clienti Personal e Professionisti, anche attraverso servizi di consulenza distintivi. Le filiali Personal hanno uno spazio dedicato all’interno delle filiali Retail, e ognuna ha un proprio direttore di filiale Personal.
Il territorio Imprese assicura il presidio commerciale e creditizio nei confronti della clientela Small Business con esigenze complesse e della clientela Imprese. L’obiettivo è quello di diventare la banca di riferimento per le imprese italiane di eccellenza.
La suddivisione nei tre territori si riflette nell’organizzazione delle Direzioni Regionali (7 in totale): in ciascuna di esse, a diretto riporto del direttore regionale, sono presenti tre direttori commerciali, uno per territorio, che coordinano 400 aree commerciali. Nell’ambito di ciascuna Direzione Commerciale è, inoltre, prevista la presenza di Specialisti di Prodotto con il compito di garantire il supporto tecnico/specialistico alle strutture territoriali. Si tratta di una filiera semplice, con riporti chiari e una specializzazione che nasce per rispondere alle esigenze e agli obiettivi peculiari delle diverse tipologie di clientela.
Accanto alla focalizzazione, un’altra sfida è stata quella della semplificazione dei ruoli: da 12 a 4 ruoli nella filiera retail e da 20 a 9 ruoli nel mondo imprese.
All’interno della Banca dei Territori, è anche in atto una strategia di semplificazione societaria, con una progressiva riduzione del numero delle entità giuridiche esistenti: a fine 2014 Banca di Credito Sardo e Cassa di Risparmio di Venezia sono state incorporate in Intesa Sanpaolo ed è stata approvata la fusione di Banca di Trento e Bolzano, che sarà operativa a partire dal 2015.

I POLI SPECIALISTICI

Nel corso del 2014 sono stati costituiti Poli specialistici diversificati per offrire servizi e prodotti dedicati alle diverse tipologia di clientela.

Il Polo della Finanza di Impresa è nato con la fusione per incorporazione in Mediocredito Italiano delle società di leasing del Gruppo (Leasint, Centro Leasing e ramo leasing di Neos Finance) a gennaio 2014, completata a luglio con le attività di factoring (Mediofactoring) e agribusiness (Agriventure). Il Polo si propone come un centro di eccellenza, innovazione e specializzazione a sostegno degli investimenti e dei processi di crescita e cambiamento delle imprese e offre un’ampia offerta consulenziale e di credito specialistico per le aziende. L’offerta di finanziamenti a medio lungo termine è stata, infatti, integrata con le operazioni di leasing, con attività di finanza d’impresa dedicata alle PMI, con il finanziamento degli attivi circolanti e con lo smobilizzo di crediti tramite factoring. Il Polo si è impegnato nell’ acquisizione e nella formazione di figure commerciali in grado di costituire per le imprese, ed in particolare per le PMI, un valido interlocutore al fine di individuare la migliore soluzione a fronte delle esigenze finanziarie più complesse. Complessivamente nel 2014 sono state assunte oltre 400 persone e sono state erogate quasi 2.000 giornate di formazione specialistica.

E’ stato ampliato il Polo per l’economia sociale attraverso la concentrazione in Banca Prossima dei segmenti non profit presenti in Intesa Sanpaolo e Banco di Napoli. Banca Prossima mette a disposizione prodotti e servizi specifici per le imprese sociali e il non profit, costruiti anche in collaborazione con le organizzazioni del Terzo Settore, e opera sul territorio attraverso una rete di professionisti selezionati non solo per le competenze professionali, ma anche per la vicinanza al Terzo Settore (persone che svolgono attività in questo comparto nella loro vita privata).

Il Polo del Private Banking coordina le società del Gruppo dedicate alla clientela di fascia alta2 con l’obiettivo di migliorare e ampliare l’offerta e la qualità del servizio per i clienti Private3 e gli High Net Worth Individuals. Attraverso private banker e filiali dedicate, offre una consulenza finanziaria a 360 gradi e una vasta gamma di soluzioni in grado di soddisfare le esigenze finanziarie, previdenziali e assicurative della clientela più esigente.

Il Polo dell’Asset Management sovraintende alle strutture di asset management del Gruppo in Italia e all’estero4, gestendo il risparmio sia per la clientela retail sia per la clientela istituzionale e offrendo un'ampia gamma di specifici prodotti e servizi d'investimento.

Il Polo Assicurativo ingloba tutte le attività di bancassicurazione del Gruppo5 e rappresenta uno dei principali poli assicurativi in Italia. Propone prodotti nelle aree dell’investimento e risparmio, dell'investimento e risparmio, della protezione fisica (danni alla persona, ai veicoli e alla casa) e finanziaria (tutela dei mutui e dei prestiti) e della previdenza integrativa, oltre a commercializzare soluzioni hardware e software per la sicurezza e fornire servizi telematici di assistenza. La relazione con la clientela viene sviluppata all’interno delle filiali del Gruppo, attraverso la rete di Intesa Sanpaolo Personal Finance e tramite promotori presenti in tutte le regioni e nelle principali città italiane.

Capital Light Bank

Alla fine del 2014, è stata costituita la Capital Light Bank con il compito di coordinare le iniziative di ottimizzazione delle risorse finanziarie del Gruppo, quali il rafforzamento della gestione dei crediti in sofferenza e degli asset immobiliari nel portafoglio dei crediti deteriorati, la cessione delle partecipazioni non-core e la gestione proattiva degli altri asset non strategici.
All’interno della Capital Light Bank è stata istituita un’unità immobiliare dedicata Re.O.Co. (Real Estate Owned Company) con l’obiettivo di valorizzare gli immobili che provengono da crediti in sofferenza e tutelare l’attivo della Banca. Nel corso dell’anno Re.O.Co ha partecipato ad alcune aste, ha stimolato la partecipazione di altri soggetti interessati e ha assistito altre unità di business nella finalizzazione di interventi gestionali attivi su beni immobiliari.

CORPORATE E INVESTMENT BANKING

Il Corporate e Investment Banking si occupa di grandi e medie aziende corporate6, di attori impegnati nella spesa pubblica e nei servizi di pubblica utilità e di istituzioni finanziarie in Italia e all’estero, attraverso una rete internazionale di filiali, uffici di rappresentanza e società controllate che accompagnano i clienti nei principali centri finanziari del mondo. Lavora in ottica di medio-lungo termine attraverso un'offerta completa e integrata di capital markets, investment banking e finananza strutturata (tramite Banca IMI) e merchant banking.
A partire dal 2014 il modello organizzativo, basato in precedenza sulla considerazione delle dimensioni della clientela, si è evoluto verso un modello qualitativo saldamente incentrato sulla complessità del cliente e con una forte impronta settoriale, attraverso la definizione di responsabili, team di specialisti e portafogli differenziati per settore. Le nuove aree di intervento sono tre:

  • International Network & Global Industries: gestisce la relazione con gruppi industriali italiani ed esteri con un elevato livello di internazionalizzazione e che operano in otto settori chiave con elevato potenziale di crescita (Oil & Gas, Power & Utilities, Automotive and Industrials, Infrastructures, Telecom, Media & Technology, Consumer, Retail & Luxury, Healthcare & Chemicals, Basic Resources & Diversified), ha la responsabilità delle filiali estere, degli uffici di rappresentanza e delle società estere corporate7 e fornisce assistenza specialistica per il sostegno all’export e ai processi di internazionalizzazione delle aziende italiane;
  • Corporate e Public Finance: segue i gruppi italiani di grandi e medie dimensioni e i settori pubblici italiani nell’ambito di specifici mercati territoriali e secondo una forte specializzazione settoriale e di filiera (Business Solutions; Automotive, Mechanics & Electronics; Consumer Goods & Services; Food & Beverage GDO; Healthcare; Materials; Services; Enti e Aziende Pubbliche; General Contractors & Infrastructures);
  • Global Banking & Transaction: gestisce la relazione con le istituzioni finanziarie italiane ed estere e si occupa dei servizi transazionali relativi ai sistemi di pagamento, di trade e export finance e della custodia e del regolamento di titoli italiani.

1. Privati con attività finanziarie da 100.000 euro ad un milione di euro.

2 Intesa Sanpaolo Private Banking, Banca Fideuram, Fideuram Investimenti, Sirefid e Intesa Sanpaolo Private Banking Suisse.

3 Clienti privati con attività finanziarie per oltre un milione di euro.

4 Eurizon Capital, Fideuram Investimenti e Fideuram Asset Management Ireland.

5 Fideuram Vita e Intesa Sanpaolo Vita. Intesa Sanpaolo Vita ha incorporato Intesa Previdenza e controlla EurizonVita, Intesa Sanpaolo Life, Intesa Sanpaolo Assicura e Intesa Sanpaolo Smart Care.

6. Con fatturato superiore a 350 milioni di euro.

7. Société Européenne de Banque e Intesa Sanpaolo Bank Ireland.